Nets-Raptors: date e orari della serie

La NBA ha annunciato nella nottata di oggi, ultima per quanto riguarda la Regular Season, il programma intero dei Playoffs con tanto di date e orari.

Nets e Raptors apriranno ufficialmente i Playoff NBA nel pomeriggio di Sabato alle 18.30.
Un aspetto da non sottovalutare per questa serie è la distanza tra una partita e l’altra, molto spesso sarà di 3 giorni, fatto che potrebbe favorire una squadra più vecchia ed esperta come Brooklyn.

Ecco il programma completo con il fuso orario italiano:

Gara 1 – Sabato 19 Aprile Nets @ Raptors Air Canada Centre ore 18:30
Gara 2 – Mercoledì 23 Aprile Nets @ Raptors Air Canada Centre ore 2.00
Gara 3 – Sabato 26 Aprile Raptors @ Nets Barclays Center ore 1.00
Gara 4 – Lunedì 28 Aprile Raptors @ Nets Barclays Center ore 1.00
Gara 5* – Giovedì 1 Maggio Nets @ Raptors Air Canada Centre (orario da stabilire)
Gara 6* – Sabato 3 Maggio Raptors @ Nets Barclays Center (orario da stabilire)
Gara 7* – Domenica 5 Maggio Nets @ Raptors Air Canada Centre (orario da stabilire)

*= se necessaria

Pubblicato in Nets news | Lascia un commento

Hello Toronto: Nets-Raptors al primo turno di playoff!

Tutto come nel 2007: Toronto campione dell’Atlantic Division e terzo seed dell’Est mentre i New Jersey Nets guidati da Jason Kidd arrivarono dopo una lunga rincorsa ai playoff con il sesto posto. Quella è stata l’ultima serie di playoff vinta dai Nets.

Non abbiamo idea di come finirà questa serie del 2014 ma ora finalmente conosciamo la squadra da affrontare al primo turno. Sono proprio i giovani Raptors che grazie alla sconfitta di Chicago a Charlotte e dei successi di Washington su Boston e Cleveland contro Brooklyn si sono guadagnati il terzo posto oltre al titolo di campioni divisionali. Una stagione, quella dei canadesi, davvero fantastica se si prende in considerazione da dove partivano e quali erano i veri obiettivi stagionali.

In casa Nets c’è già chi è piuttosto carico:

Matchup Stagionali:

26 Novembre: Brooklyn @ Toronto 102-100
11 Gennaio: Brooklyn @ Toronto 80-86
27 Gennaio Toronto @ Brooklyn 104-103
10 Marzo: Toronto @ Brooklyn 101-97

La serie di playoff partirà questo weekend all’Air Canada Center di Toronto che ospiterà Gara 1 e Gara 2, orari e date verranno stabilite nella notte dalla NBA.

Le altre serie dell’Est:

(1) Indiana Pacers – (8) Atlanta Hawks
(2) Miami Heat – (7) Charlotte Bobcats
(4) Chicago Bulls – (5) Washington Wizards

Pubblicato in Nets news | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nets-Heat – Game Notes

shaun in miami

Quarto e ultimo atto nella serie tra Brooklyn Nets e Miami Heat, si giocava a South Beach dove i padroni di casa volevano riscattare le 3 precedenti sconfitte proprio contro i Nets durante la Regular Season. Così non è stato, Brooklyn batte di nuovo Miami ed è la prima squadra a battere 4 volte in regular season i ragazzi di Spoelstra da quando è iniziata l’era dei Big-Three.

Pesano le assenze sia di D-Wade e Udonis Haslem per gli Heat, sia quelle di Kevin Garnett e Andray Blatche per i Nets. Il finale è tiratissimo fino all’ultimo respiro ed è una stoppata di Mason Plumlee su Lebron James a dare la vittoria 88-87 a Brooklyn.

Veniamo brevemente alle Game Notes di oggi:

- I Nets muovono bene la palla per i primi minuti di partita e approfittano di ogni matchup possibile almeno inizialmente (Joe Johnson accoppiato con Toney Douglas non è stata una gran mossa di Spoelstra). Appena è salita di colpi la difesa di Miami ci siamo affidati un po’ troppo a soluzioni estemporanee ma questa volta ci è andata bene.

- Per Miami è stato praticamente un Lebron contro tutti, è lui che ha tenuto in piedi Miami nel primo tempo ed è sempre stato lui a trascinare i suoi fino alla fine. Ma la mancanza di un secondo scorer come Wade si è sentita alla lunga. Occorre farsi qualche domanda sul supporting cast di Miami.

- Pessima la partita di Deron Williams, distratto con la palla in mano (3 palle perse inaccettabili), inconcludente al tiro e indeciso anche nelle scelte offensive. Sbaglia anche due tiri liberi che potevano essere fatali.

- Una non notizia: Paul Pierce odia i Miami Heat. Lo sa lui, lo sa Lebron, lo sa la città di Miami e lo sa ogni singolo appassionato NBA.

- Decisivi i due eroi che non ti aspetti: abbiamo parlato della stoppata di Plumlee (scelto alla numero 22 da quel Billy King che viene tanto detestato da molti) ma non della partita folle di Marcus Thornton. 16 punti, 6 rimbalzi e 4 palle recuperate per l’ex Sacramento Kings che per rilascio del pallone ricorda tantissimo un ex di entrambe le squadre: Eddie House.

- Next Game: ultima partita in Florida domani notte contro gli Orlando Magic.

- Appello finale: una serie di playoff tra queste due squadre sarebbe davvero fantastica.

Pubblicato in Games | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Nets-76ers – Game Notes

Game Notes in forma molto ridotta dato che la partita non presta veramente alcuno spunto: gita dei Nets che non hanno messo nemmeno la terza in quel di Philadelphia, vanno avanti di 20 facilmente ma si addormentano tra terzo e quarto periodo (grazie ad una brutta prova della panchina) e rischiano addirittura la figuraccia nel finale. Arriva la vittoria con un 105-101.

- L’unica vera notizia di questa serata è stato il ritorno di Kevin Garnett in campo dopo 19 partite saltate per numerosi problemi alla schiena. The Big Ticket si muove molto bene, scatena la sua ferocia di sempre (anche sui poveri Sixers) e appare in buona forma, una notizia fondamentale in vista dei Playoff NBA che partono tra 14 giorni esatti. Va in doppia cifra e sorpassa Alex English nella speciale classifica di punti segnati:

- Si muove bene anche Deron Williams che mette a segno 19 punti e 9 assist. In campo aperto piazza la sua terza dunk stagionale:

Non contento raggiunge un record di franchigia:

- Per Brooklyn vanno in doppia cifra anche Paul Pierce, Joe Johnson, Andray Blatche e Mason Plumlee.

- Un buon contigente di tifosi Nets al Wells Fargo Center che non hanno mancato di farsi sentire. Onore a loro!

- Next Game: Quarto (e ultimo appuntamento) con i Miami Heat alla American Airlines Arena. Sarà un anticipo di un possibile scontro in postseason?

Pubblicato in Games | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nets-Pistons – Game Notes

nets bench

I Nets reagiscono alla brutta sconfitta di mercoledì notte contro i New York Knicks battendo i Detroit Pistons in quella che era la terza Brooklyn Blue Night. I Pistons erano un avversario apparentemente facile per Deron Williams e soci, dico apparentemente perchè i tre confronti diretti di questa stagione sono stati vinti tutti e tre dalla franchigia del Michigan.
Il livello fisico-atletico è clamorosamente a vantaggio dei Pistons, ma i Nets hanno giocato la loro classica pallacanestro eseguendo il loro game-plan. Il risultato è stato un blowout per i Brooklyn Nets che hanno portato a casa la partita 116-104.

- Quindicesima vittoria consecutiva in casa, la squadra di Jason Kidd al Barclays Center ha vinto inoltre 21 delle ultime 23 partite.

- Il duello fisico lo vincono i Pistons (a rimbalzo Drummond è qualcosa di impressionante) ma i Nets muovono bene la palla (28 assists su 46 canestri) e tirano con più del 60% dal campo.

- Torna in campo Andrei Kirilenko dopo 9 partite saltate. Domani potrebbe esserci il ritorno anche per Kevin Garnett.

- La partita vira dalla parte dei Nets nel secondo quarto dove la squadra di casa esplode il suo potenziale offensivo, soprattutto col tiro pesante con Teletovic, Thornton e Joe Johnson. Per The King of Bosnia arriva un bel ventello con un 6-10 dalla lunga distanza.

- Migliore in campo Shaun Livingston (23 punti per SDot), i Nets mandano in doppia cifra ben 6 giocatori. Deron Williams sfiora la doppia-doppia con 8 punti e 10 assists.

- Next Game: back to back in casa dei Philadelphia 76ers.

Pubblicato in Games | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Nets-Knicks – Game Notes

L’unica fortuna dei Nets questa notte è pensare che non ci saranno back to back appena scatteranno i playoff NBA. New York domina senza discussioni il terzo appuntamento della stracittadina vincendo 110-81.

Una partita che aveva forse più importanza per i padroni di casa che stanno lottando con gli Atlanta Hawks per la corsa all’ottava posizione ad Est rispetto ad una squadra che il ticket della postseason l’ha strappato solo poche ore fa.

- Brutto atteggiamento dei nostri fin dai primissimi minuti: sbadati in attacco contro una difesa di certo non irresistibile e molto sbadati nella fase difensiva e nella battaglia a rimbalzo. Il numero di palle recuperate è emblematico da questo punto di vista, quello che è diventato un marchio di fabbrica della pallacanestro di Jason Kidd non è stato mai applicato sul campo. I Nets oggi sembravano una squadra svuotata e senza gambe ma è anche fisiologico che sia così: possiamo abbuonare una partita persa male di fronte ad un ritmo complessivo da 70% di vittorie da 3 mesi a questa parte vero?

- Knicks galvanizzati dalla serata positiva al tiro di J.R. Smith e dall’energia su entrambi i lati del campo di Iman Shumpert. New York ha tirato con il 67% dal campo nel primo tempo, per Brooklyn la partita possiamo dire che è sostanzialmente terminata lì.

ny shooting chart

- Nel terzo quarto Brooklyn cerca di scuotersi caricando i lunghi dei Knicks di falli, ma è veramente troppo tardi. Un paio di triple di Prigioni e J.R. Smith riportano i Knicks sopra di 22 con un quarto quarto di puro garbage time da giocare.

- Next Game: Arrivano i Detroit Pistons al Barclays Center.

Pubblicato in Games | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Brooklyn batte Houston e va ufficialmente ai playoff NBA!

C’è da decidere ancora il seed (tra il terzo il sesto posto) ma l’ufficialità è arrivata comunque oggi: i Brooklyn Nets sono per il secondo anno consecutivo qualificati ai playoff NBA.

È stata la vittoria ai danni degli Houston Rockets (105-96) a dare il pass delle migliori otto ad Est alla squadra di Jason Kidd. Partita vinta a tutto tondo da una squadra che ad oggi sembra non aver più nessun timore reverenziale nei confronti di nessun avversario grazie ad una prestazione fantastica di Joe Johnson che ha firmato 32 punti con un 13-21 dal campo.

Dicevamo della qualificazione ai playoff: un esito dato per scontato in sede di prestagione, quando gran parte di appassionati e addetti ai lavoro, davano Brooklyn come sicura nel terzetto di testa con Indiana e Miami.

Le cose non sono andate proprio così, la poca esperienza di Kidd, i tantissimi problemi di infortuni che ha coinvolto praticamente tutto il roster con Brook Lopez vittima eccellente e il 10-21 maturato nei primi due mesi di regular season facevano pensare a questa annata sportiva come ad un clamoroso fallimento per una squadra che aveva speso l’impossibile in estate.

Ma dal 1° Gennaio in poi (il tiro di Joe Johnson a casa degli Oklahoma City Thunder rimane la vera svolta della stagione) i Nets viaggiano ad un ritmo impressionante: 28-12 equivale al miglior record della Eastern Conference dall’inizio del nuovo anno.

Una squadra che ha iniziato a giocare come tale grazie all’apporto imprescindibile di Shaun Livingston, alla solidità di Joe Johnson nel mese di Gennaio, al ritorno di Deron Williams su buoni livelli fisici (anche se il prossimo anno bisognerà ragionare in maniera tale da renderlo pronto per tutta la stagione), grazie all’incredibile esperienza e professionalità di Paul Pierce. Un giocatore che nonostante sia, per forza di cosa, costretto a giocare da 4 contro avversari più veloci e forti fisicamente di lui riesce a decidere ancora tantissime partite grazie ad un cuore e ad una classe con pochi precedenti nella NBA degli ultimi anni.

Sarà l’apporto di The Truth e di Kevin Garnett a fare la differenza quando la palla scotterà di più. Per ora godiamo al pensiero di essere comunque nella metà che proverà a giocare per il Larry O’Brien Trophy da metà Aprile in poi.

Ma permettetemi di spendere due parole su Kidd che nella giornata di oggi ha vinto il suo secondo premio di Coach Of The Month dopo quello del mese di Gennaio. Gran parte dei meriti vanno a lui e alla sua tenacia, alle sue intuizioni e alla sua capacità di far migliorare i suoi ragazzi un po’ come faceva quando era in campo, basti pensare a Livingston, Teletovic, Plumlee e addirittura Gutierrez.
Non ho idea di come finirà questa stagione, ma mi sento di dire che i Nets oggi hanno finalmente trovato qualcosa di essenziale che mancava oltre al talento: una vera e propria identità.

Pubblicato in Nets news | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento