Riflessioni dopo l’esordio stagionale

Inutile dire che c’è molta delusione dopo la prima uscita stagionale dei nuovi Nets targati Lionel Hollins. Siamo stati letteralmente schiaffeggiati da una squadra che ieri sera, seppur il talento a roster non sia di prima fascia, aveva il doppio della nostra voglia.

- Atteggiamento orrido da parte nostra fin dalla palla a due. Boston ha segnato il triplo dei punti nel pitturato tirando col 60% nel primo tempo. Inaccettabile concedere punti su ogni pick and roll, inacettabile perdere l’uomo su ogni taglio a centro area da parte dei Celtics. Ieri notte gli onesti Jared Sullinger e Kelly Olynyk sembravano una coppia dei lunghi che poteva appartenere a versioni gloriose dei Boston Celtics.

- Vado al punto centrale della questione: senza Brook Lopez questa squadra non ha nessuna chance di fare alcuna strada quest’anno. E considerato che i problemi di Lopez sono ben noti a tutti credo che chi doveva operare in estate non lo abbia fatto nel migliore dei modi. La nostra frontline al momento non è assolutamente credibile per affrontare una stagione NBA di 82 partite. Andiamo sotto a rimbalzo con tutti e, tranne Lopez, nessuno dei nostri è in grado di giocare continuativamente in post-basso.
Colui che lo scorso anno giocando da 4 ci ha svoltato radicalmente la stagione ora gioca a Washington.

- Come avevo riscontrato in alcune partite di preseason, al momento i Nets non sembrano una squadra di Lionel Hollins. Troppo molli, troppo passivi sulle 50-50 balls. Spero sia solo un periodo di rodaggio.

- Sono un fan di Bojan Bogdanovic ma l’idea di farlo partire in quintetto fin da subito mi pare esagerata. Bojan ci mette poco del suo per farmi ricredere, dovrebbe essere meno timido e sfruttare i metri di spazio che ha quando riceve sul perimetro.

- Contro Detroit, senza Lopez, prevedo un massacro.

Sarà una luuuuunga stagione…

Pubblicato in Games | Contrassegnato , | 2 commenti

Lopez salta l’esordio a Boston

Brutte notizie per Brook Lopez in questa primissima parte di stagione NBA: il suo esordio nel 2014/2015 non sarà questa notte a Boston. A comunicarlo è stato coach Lionel Hollins che ha ribadito le condizioni non ottimali del centro di Stanford, in particolare continua il fastidio al piede destro occorso nella partita contro i Sacramento Kings in Cina.

A prendere il posto di Brook Lopez ci sarà Mason Plumlee.

Il resto del quintetto dei Brooklyn Nets sarà composto da Deron Williams, Joe Johnson, Bojan Bogdanovic e Kevin Garnett. Pare invece scontato il rientro di Rajon Rondo per i Boston Celtics.

Pubblicato in Nets news | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Ufficiale: Teague a Philadelphia. Il roster dei Nets ritorna a quota 15.

La trade del quale vi abbiamo parlato è ormai cosa fatta. Marquis Teague è un nuovo giocatore dei Philadelphia 76ers. Assieme al contratto di Teague i Nets hanno spedito una seconda scelta del 2019 ricevuta in estate dai Milwaukee Bucks nell’affare-Kidd.

In cambio ai Nets hanno ricevuto Casper Ware, finito subito sulla lista dei tagliati.

Con il taglio di Willie Reed avvenuto nella giornata di ieri, i Nets ora hanno 15 uomini a roster ovvero il limite massimo consentito ad una squadra per affrontare la stagione NBA. Sembrerebbe proprio che Jerome Jordan, Cory Jefferson e la pont guard messicana Jorge Gutierrez avranno il posto in squadra per la regular season che inizierà la prossima settimana.

Spedendo Teague a Philadelphia i Nets risparmieranno circa 3 milioni di luxury tax.

Pubblicato in Mercato | Contrassegnato , , , | Lascia un commento

Marquis Teague ai 76ers?

Secondo Adrian Wojnarowski di Yahoo! Sports Marquis Teague cambierà presto casa. Ad accoglierlo sono pronti i Philadelphia 76ers, squadra pronta alla sua annuale dose di tanking sfrenato, in cambio di poco o nulla (una seconda scelta? cash considerations?).

Teague, 21, è stato scelto con la pick numero 29 dai Chicago Bulls nel Draft 2012. Il suo contributo con la maglia dei Nets è stato pressochè nullo (e inutile aggiungo).

Pubblicato in Mercato | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Altro infortunio per Brook Lopez

Non dovrebbe essere serio (almeno così pare) ma Brook Lopez sarà fuori per i prossimi 10-15 giorni per un infortunio al piede destro, quello operato per la terza volta nella sua tormentata carriera nel Dicembre 2013.

I Nets non hanno dato notizia di alcuna frattura ma visto che si tratta di Lopez questa di sicuro non è una bella notizia e il problema andrà affrontato con la massima precauzione possibile.

Pubblicato in Nets news | Contrassegnato | Lascia un commento

Nets-Kings – Game Notes

nets kings pechino

I Nets vanno via da Pechino con due vittorie sui Sacramento Kings. La seconda in overtime 129-117 dopo una maratona di 3 ore di basket tipicamente prestagionale.

- Due assenze di lusso da entrambe le parti: DeMarcus Cousins per i Kings e Kevin Garnett per i Nets.

- Il primo quarto dei Nets, quello giocato con tutti i titolari, lascia molti segnali positivi. L’attacco gira a dovere con tiri pulitissimi per tutti, l’assenza di Cousins facilita il compito di Brook Lopez che firma 14 dei suoi 16 punti tutti nella prima frazione di gioco.

- Con la second unit in campo il secondo quarto è tutto di marca Sacramento Kings. Ad ammazzare la non-difesa sul perimetro di Brooklyn ci hanno pensato Darren Collison, Rudy Gay e Ben McLemore. Brooklyn si ritrova sotto di 9 all’intervallo in un amen. Credo che coach Hollins avrà molto da lavorare sotto quest’aspetto.

- L’esplosione di Mirza Teletovic e le giocate di Deron Williams (con tanto di barba!) rimettono velocemente i Nets in pista. Il bosniaco, titolare visto l’assenza di KG, non esita appena trova un piccolo spazio per il suo tiro: diventa letale nel terzo quarto con ben 4 triple segnate. La palma di migliore in campo spetta a lui.

- Positivissima la prova di Bojan Bodganovic dopo 3 uscite piuttosto opache. L’ex Fenerbahce si dimostra fin da subito aggressivo su entrambi i lati del campo e i risultati si vedono. In una squadra con dei compagni del genere avrà tanti tiri con spazio ogni sera. Va sopra la doppia cifra e si prende i complimenti di Lionel Hollins a fine partita.

- Nella corsa per il posto a roster nel reparto lunghi è in atto una bella sfida a 3 tra Jerome Jordan, Cory Jefferson e Willie Reed. Complessivamente buona la prestazione di tutti e tre ma una menzione particolare va a Jerome Jordan, un vero e proprio fattore a cavallo tra terzo e quarto periodo. La sua presenza a rimbalzo puo’ dare una grossa mano a questa squadra.

- In generale i Nets hanno vinto la battaglia a rimbalzo 47-38. Un buon segnale.

- Nell’overtime si è riscattato ma non una gran prova per Mason Plumlee. Troppo confusionario in attacco dove cerca di strafare (quei fondamentali in post-basso sono tutti da migliorare) e si perde Omri Casspi nel possesso decisivo che ha portato i Kings all’overtime. Da rivedere.

- Minuti anche per Markel Brown, Gutierrez e Sergey Karasev. Il primo non è mai stato un fattore, buona difesa ma poca sostanza in attacco per il messicano mentre due belle giocate in overtime per il russo. Dubito che però questi 3 giocatori vedranno il campo con l’inizio della stagione regolare.

- On to the next one: I Nets voleranno in giornata per rientrare negli Stati Uniti. Domenica al Barclays ci sono i Boston Celtics in una partita che vedrà un singolare esperimento da parte della NBA: i minuti di gioco effettivi verranno ridotti da 48 a 44 con 4 quarti da 11 minuti.

Pubblicato in Games, Nets news | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Brooklyn Recap: Nets vs Maccabi. “It Could Be Déjà Vu All Over Again for the Nets Big Three”

Giusto due parole per evidenziare la prima partita stagionale dei nostri Brooklyn Nets. In questo particolare opener casalingo al Barclays, la prima dell’era post Kidd netsweb8s-2-web(boooooooooooooooooooooooooooooos, detto alla americana), i nostri si trovavano di fronte la squadra israeliana del Maccabi Tel Aviv. La vittoria per 111-94 è senza dubbio di buon auspicio e bagna in maniera positiva l’esordio di coach Hollins, anche se bisogna chiaramente dare il giusto peso ad una partita di pre-season NBA. Vediamo alcuni spunti che ha fornito la gara.

- Finalmente si rivede in campo Brook Lopez (nella foto), dopo le 175 operazioni al piede, che recentemente lo hanno visto saltare le ultime 5800 partite tra stagione regolare e playoff. Per Brook 23 minuti sul terreno di gioco, conditi da 20 punti (frutto di un ottimo 8-12 al tiro) e 5 rimbalzi. Considerando che era da dicembre che non giocava, un inizio incoraggiante.

- Finalmente in campo da “sano” (si spera per tutta la stagione, nella foto sotto) anche Deron Williams. Per Deronio, dopo le operazioni ad entrambe le caviglie che hanno caratterizzato la sua estate, 28 minuti sul parquet, con 17 punti (7-11) e 7 assist. L’ex Illinois è sembrato abbastanza sicuro sulle caviglie che tanto lo hanno fatto tribolare, anche se ha giocato senza forzare troppo la sua condizione. Speriamo duri.  Continua a leggere

Pubblicato in Games | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento