Nets-Mavericks – Game Notes

thornton dallas

Jason Kidd festeggia il suo 41esimo compleanno portandosi a casa una vittoria sudatissima e importantissima nella città che lo ha visto entrare nella lega nel 1994 e nella quale ha vinto il suo primo e unico anello da giocatore NBA. Vincono i Nets 107-104 in overtime dopo essere stati sotto anche di 14 lunghezze.

– Brooklyn parte malissimo concedendo tutto il concedibile ad una squadra che in quanto ad esecuzione è una delle migliori di questa lega. Coach Carlisle infatti non sbaglia una mossa e da tanti minuti ad ex come Carter e Devin Harris ma soprattutto a Samuel Dalembert, autore di una partita da assoluto dominatore a centro area. Per Plumlee e Blatche è una nottata da incubo: l’haitiano va in doppia cifra per punti e rimbalzi e cancella ogni tentativo di canestro in avvicinamento della frontline dei Nets. Sono ben 7 le stoppate rifilate da Dalembert nei suoi 34 minuti di utilizzo.

– Sia Brooklyn che Dallas perdono due pezzi importanti della loro rotazione: Jose Calderon riceve una botta fortissima al setto nasale nei primi secondi della partita, lo seguirà poco dopo Andrei Kirilenko con una distorsione alla caviglia.

– Con i Nets in evidente difficoltà a trovare la via del canestro, decisivo è stato l’apporto di Marcus Thornton. Per fortuna sua e della sua squadra Marcus è caldo proprio nel momento di massimo bisogno, il suo ventello pesa tantissimo sull’economia della partita.
Brooklyn va avanti 81-77 a 5.54 dalla fine ma sciupa tutto e si ritrova nuovamente sotto di 4 con soli 44 secondi sul cronometro.

– Le stupidate di Andray Blatche hanno costretto Kidd ad un esperimento che si rivelerà vincente: il quintetto superpiccolo. Nessun centro di ruolo e frontline composta da Alan Anderson e Paul Pierce a limitare un Dirk Nowitzki in serata no.

– Con solo 9 secondi da giocare e 2 lunghezze da recuperarela palla non poteva che finire nelle sapienti mani di Joe Johnson:

Avevate davvero dubbi sul risultato?

– Nell’overtime una tripla di Joe Johnson e una di Deron Williams fanno partire il parziale decisivo per i Nets. Sono inutili i miracolosi tentativi di Monta Ellis di raddrizzare le cose per i suoi Mavs, la sua tripla finale per forzare un secondo overtime finisce sul ferro.

– Non ci sono MVP da assegnare in questa partita, tutti hanno dato il loro contributo mettendo la propria mattonella su questo risultato. È una vittoria di squadra (una delle tante di quest’anno) che fa morale e prepara i Nets alla fase calda della stagione.

– Brooklyn mantiene viva la corsa ai Toronto Raptors (vittoriosi in rimonta contro gli Hawks nel pomeriggio) per la conquista della division e allunga su Washington per la quinta posizione ad Est.

– Ulteriore aggiornamento: a partire dal 1° Gennaio 2014 i Nets hanno il miglior record della Eastern Conference con 27 vittorie e 10 sconfitte.

Next Game: il calendario non da soste a Brooklyn, domani notte Pierce, Johnson e soci dovranno sfidare i New Orleans Pelicans di un certo Anthony Davis che nella settimana appena conclusa ha messo delle cifre da uno che sarà presto dominatore di questo gioco.

Questa voce è stata pubblicata in Games e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...