Nets-Grizzlies – Game notes

Finisce il mini-trip ad ovest con una vittoria importantissima rimediata su un campo difficile come Memphis.
Formazioni entrambe rimaneggiate: Nets senza Deron Williams, Andrei Kirilenko, Jason Terry a cui si è aggiunto Paul Pierce. Padroni di casa senza la loro front line composta da Marc Gasol e Zach Randolph.

Brooklyn ha controllato in lungo e in largo per gran parte del match, soffrendo soltanto durante i primi minuti del quarto quarto. Ma l’attacco asfittico dei Grizzlies non ha potuto nulla contro il talento individuale in black and white. 97-88 è il punteggio finale.

Le game notes di quest’oggi:

– Kidd sta iniziando ad essere a tutti gli effetti un allenatore. Lasciate perdere la buffonata del cupgate: sta imparando a gestire uomini e rotazioni dando il giusto spazio a chi è più meritevole. I suoi giovani oggi l’hanno finalmente premiato: penso a Teletovic, a Plumlee e a Shengelia.

– Joe Johnson ora è la prima opzione offensiva di questa squadra, un pò per emergenza ma soprattutto perchè è il più efficace. Stanotte ha trascinato durante tutto il primo tempo i Nets, poi ha chiuso definitivamente la gara con la tripla del +16. Per lui ci sono 26 punti, 5 assist e 6 rimbalzi. Ed è l’unico che non ha ancora saltato una partita.

– Non ha giocato una gran partita, è stato imbrigliato da Koufous e da Ed Davis molto spesso ma Brook Lopez è sempre più l’MVP di questa squadra. 12 dei suoi 20 punti sono segnati nel quarto quarto, quando è raddoppiato c’è pronto Joe Johnson a punire sullo scarico. Come amo dire sempre: there’s not Brooklyn…without Brook!

– Tyshawn Taylor ha avuto la sua prima partenza nel quintetto base in carriera. Ha fatto quel che poteva contro Mike Conley, mostrando i limiti di sempre: poca visione di gioco, troppo accentratore, troppe palle perse.
Il suo backup di oggi, Shaun Livingston, non ha fatto meglio di lui. Questo vuol dire che abbiamo disperato bisogno di Deron Williams, anche coi suoi limiti, anche coi suoi scazzi. Torna presto D-Will.

– A questo ritmo i Nets hanno affrontato il loro avversario ideale. Ne ha approfittato anche Andray Blatche, troppo più talentuoso dei suoi pariruolo di Memphis. Oggi è scesa in campo la sua versione buona: 21 punti, 8 rimbalzi e un clamoroso 3-3 da 3 punti.

– Segni di vita da parte di Garnett.

– Un paio di canestri fondamentali di Mirza Teletovic. La presenza di Reggie Evans in questa squadra inizia ad essere del tutto marginale.

– Finisce il mese di Novembre con un 5-12 che nessuno si aspettava. La buona notizia? Si ritorna finalmente al Barclays Center. I Nets sono la squadra NBA che ha giocato meno in casa di tutta la lega, l’unica a non aver mai giocato almeno due partite di fila tra le mura amiche.
Col mese di Dicembre si inverte la rotta: 9 delle prossime 12 le giocheremo in casa. Sperando di riabbracciare Deron Williams a partire da martedì contro i Denver Nuggets.

Questa voce è stata pubblicata in Games e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...