No Sleep till….PREDICTIONS! [Eastern Conference]

Dopo il power ranking della Western Conference si viaggia ad Est, la conference che sembra essersi riforzata di più. Almeno 4 squadre sulla carta sono contender a tutti gli effetti, due giovani squadre (con i loro giovani volti) sono pronte ad avere un annata di riscatto e il fanalino di coda farebbe fatica anche nel campionato italiano.

1) Miami Heat Campioni in carica da due anni, il più forte giocatore sul globo, un supporting cast eccellente e un Greg Oden che scalpita per avere quei 10-15 minuti di intimidazione. Cosa vogliono di più dalla vita? Favorita d’obbligo.

2) Chicago Bulls Potrebbero anche viaggiare sul ritmo delle 60 vittorie, l’entusiasmo per il ritorno di Derrick Rose sarà contagioso. Anche perchè se c’è una squadra che prende tremendamente sul serio ogni partita, questa è Chicago. Con un allenatore che fa giocare 30 minuti di media i suoi starter anche in preseason sarebbe sorprendente pensare il contrario. Occhio a Jimmy Butler.

3) Brooklyn Nets Kidd, a differenza di Thibudeau, ha dimostrato che se puo’ far riposare i suoi, lo fa. Non mi aspetto una stagione da schiacciasassi ma bastano quelle 55 vittorie utili per poter vincere l’Atlantic Division. Molte volte vedremo Garnett e Pierce prendersi una giornata di riposo ma la profondità di questa squadra è tale da potersi permettere anche The Big Ticket e The Truth a guardare i loro compagni dalla sideline del Barclays Center.

4) Indiana Pacers Squadra molto più da playoff che da regular season. Le concorrenti quest’anno sembrano essersi tutte rinforzate ed Indiana ha migliorato la propria panchina con C.J. Watson e Luis Scola. Non sarà facile re-inserire in quel sistema Danny Granger, ma Indiana rimane una delle favorite ad Est. A mio modo di vedere non al livello delle prime 3 che ho elencato.

5) New York Knicks I campioni in carica dell’Atlantic sono più profondi dello scorso anno con le acquisizioni di Bargnani, Metta World Peace, Udrih e il rookie Hardaway Jr. Basta questo per ripetersi e fare più strada nei playoff? Non mi sorprenderei di vederli più in alto a fine regular season, ma i problemi dello scorso anno (squadra troppo perimetrale, difesa mediocre) non credo siano stati risolti. E l’ambiente in casa Knicks non mi sembra l’ideale al momento.

6) Detroit Pistons Must watch team sul League Pass. In una singola partita possono vincere e perdere contro chiunque: se questo gioco fosse basato sul solo atletismo non avrebbero avversari. Ma nel basket ci vuole anche un minimo di intelligenza e la somma del QI cestistico di Brandon Jennings, Josh Smith e la sua particolarissima selezione di tiri e ci aggiungiamo anche Andre Drummond è del tutto bizzarra.

7) Atlanta Hawks L’unico aggettivo che mi sentirei di spendere per gli Hawks di quest’anno è solidi. Il contratto che hanno dato a Paul Millsap mi è sembrato uno dei migliori di quest’estate, l’ex Utah Jazz mi sembra perfettamente complementare ad Al Horford. Faranno i playoff senza grossissimi problemi, spero di rivedere in campo al più presto Lou Williams.

8) Cleveland Cavaliers Kyrie Irving è inserito nella top 15 da quasi tutti i ranking che riguardano i giocatori NBA senza aver mai giocato una partita di playoff. Quest’anno credo che i Cavs abbiano l’occasione giusta per strappare l’ottava moneta e andarsi a giocare il primo turno contro il figlio di Akron. Quella serie non avrebbe storia ma sono sicuro che Irving almeno una partita la vince da solo.

9) Washington Wizards Hanno fatto una trade quasi esclusivamente per arrivare i playoff. Nel mio ranking sono fuori dalle migliori 16 ma battaglieranno fino all’ultimo per entrarci. Il backcourt Wall-Beal è uno dei più esplosivi della lega, la frontline è sensibilmente migliorata con l’ingresso di Marcin Gortat, ottimo giocatore che non sposta più di tanto gli equilibri.

10) Toronto Raptors Segnatevi questi due nomi perchè ne sentirete parlare spesso in Canada: Jonas Valanciunas e Masai Ujiri. Il primo dimostrerà di essere uno dei migliori centri della lega mentre il secondo non contento della mediocrità attuale dei Raptors proverà a scambiare uno tra Rudy Gay e DeMar DeRozan per salire di posizione al prossimo draft.

11) Milwaukee Bucks Chi invece sembra non avere proprio un piano di rinascita è Milwaukee: partono con l’idea di fare tanking ma poi firmano O.J. Mayo, danno un contratto esagerato a Pachulia e scambiano per Caron Butler. Limbo NBA se ne esiste uno. I Milwaukee Bucks sono ad un bivio, Seattle attende e i rumors che riguardano la relocation dell’ex franchigia di Lew Alcindor si fanno sempre più insistenti.

12) Boston Celtics Faranno meglio di quanto molti si aspettano, il pride, Brad Stevens e Rajon Rondo mi fanno pensare questo. Poi guardo giocare Gerald Wallace, leggo le sue interviste dove attacca più o meno tutti i suoi compagni e penso che sarà una stagione lunga a Beantown. Occhio alla stagione di Kris Humphries nel suo contract year e guai a farvi ingannare.

13) Charlotte Bobcats Meglio dell’anno scorso ma manca ancora tanto per giocarsi la post-season. In una delle sue provocazioni Jalen Rose ha affermato che Michael Jordan si allenerà per scendere in campo e giocare almeno una partita alla veneranda età di 50 anni. Ma i Bobcats ad oggi son senza speranza: non farebbero i playoff nemmeno rubando il talento a caso come i Monstars in Space Jam.

14) Orlando Magic Il piano post-Howard prosegue secondo quanto prestabilito da proprietà e general manager. C’è una nuova attrattiva nella città di Topolino: è Victor Oladipo. Affianco a lui però c’è poco altro e ai Magic tutto sommato va bene anche così.

15) Philadelphia 76ers Siamo chiaramente al perdere e perderemo. di Borlottiana memoria. I Philadelphia 76ers hanno già la testa alla draft lottery sperando che Adam Silver scoprirà la busta col loro nome solo all’ultimo. Il record in negativo dei Sixers del 1972/1973 potrebbe essere alla portata anche perchè cercheranno di tenere fuori il loro rookie Nerlens Noel quanto più possibile.

Il nostro viaggio finisce qui ricordandovi che se non siete d’accordo con il power ranking potete segnalare le vostre critiche sia qui che sull’account twitter del blog.

Questa voce è stata pubblicata in Games e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a No Sleep till….PREDICTIONS! [Eastern Conference]

  1. hedo33 ha detto:

    Boston alla 12 mi sembra bassina, MIL e Toronto non sono al loro livello. Secondo me rimangono in corsa PO fino alla fine!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...