Crisi nera

gerald wallace crisi nera

Guys are content with the situation we are in and I’m fucking pissed off about us losing, especially losing the way we are losin. We’re a way better team than what our record is. We play a good half or a great quarter and then we go back to playing selfish ball … that’s not getting us anywhere

Questa è Radio Gerald Wallace che vi parla della situazione all’interno di una squadra ormai in crisi. Se siete armati di pazienza (tanta pazienza) e di NBA League Pass potrete vedere coi vostri occhi la seconda squadra col monte salari più alto dell’intera lega giocare un basket noioso e a tratti orrendo.
E come dice Rasheed Wallace ball don’t lie, la palla non mente mai..figurarsi i numeri!

Brooklyn, dopo la vergognosa partita di Natale contro i Boston Celtics e la disfatta di ieri notte a Milwaukee, è ufficialmente una squadra da 50%. 14 vinte e 14 perse, dopo aver iniziato la stagione con un 11-4 che nascondeva tutti i limiti di gioco e leadership di questa squadra.

Nel frattempo coach Avery Johnson pare aver perso completamente le chiavi della suo spogliatoio, dopo il bacio della morte rifilatogli da Deron Williams (che ha addirittura ammesso di sentire la mancanza del sistema di Jerry Sloan!) e le piccole frecciatine di Joe Johnson e Gerald Wallace (con tanti riferimenti ai troppi isolamenti chiamati dal coach), anche il CEO Brett Yormark ha espresso il suo disappunto subito dopo la sirena finale della partita di Natale, andata in onda in diretta nazionale: “Nets fans deserved better today. The entire organization needs to work harder to find the solution. We will get there.”

La vera notizia è che Yormark e Avery hanno avuto un’intensa chiacchierata nel corso della giornata di ieri. A mio modo di vedere quando i tuoi leader vogliono chiaramente un cambiamento in panchina…non c’è santo che tenga, lo otterranno.
Anche il cuore dei tifosi è ampiamente schierato a favore di un licenziamento di Avery Johnson, i primi 20 commenti del post partita di Milwaukee su Netsdaily, il punto di incontro dei supporters dei Nets di tutto il mondo, dicono veramente tutto. Date un’occhiata: http://www.netsdaily.com/2012/12/26/3806482/same-old-same-old-for-the-nets-as-they-fall-to-the-bucks-108-93)

Last but not least ci sono le situazioni complicate di Kris Humphries e MarShon Brooks. Il primo non solo ha perso il posto in quintetto ma ormai sono un paio di partite che non vede il campo, lo stop per il piccolo affaticamento muscolare comunicatoci dai Nets assomiglia tanto al famoso finto mal di testa di Jason Kidd prima della sua cessione ai Mavericks. Il secondo è perennemente nella doghouse del suo allenatore dopo essersi proclamato da solo ad inizio anno come uno dei papabili contender al premio di sesto uomo dell’anno. Assieme formano un pacchetto di scambio già pronto da spedire ad indirizzo nuovo dopo il 15 Gennaio.

Prossimi avversari saranno gli Charlotte Bobcats…ci saranno delle novità in arrivo in caso di sconfitta?

Questa voce è stata pubblicata in Games e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...