Game Recap: Brooklyn Nets-Orlando Magic 98-86

gerald wallace orlando

Secondo, e ultimo, viaggio in Florida per i Brooklyn Nets. Deron Williams non ha perso l’occasione e ha portato a Disneyworld i “suoi” rookie Mirza Teletovic e Toko Shengelia. Ma questa notte Brooklyn vuole allungare la striscia positiva di vittorie consegnando questo inizio di stagione alla storia: in caso di vittoria sarebbe la migliore partenza di sempre della franchigia.

From Zero to Hero: In contumacia all’assenza di Brook Lopez (verrà valutato nuovamente lunedì, ma per fortuna non pare nulla di grave) sarà la prima partenza in quintetto per Andray Blatche.

Andamento lento: Partita che non ha veramente nulla da raccontare nel primo tempo. I Nets giocano con le marce basse, ritmo nel quale la squadra di Avery Johnson si trova alla perfezione (ultimi nella lega per possessi offensivi). L’Amway Center di Orlando fa risuonare la colonna sonora di Superman durante un timeout, ma Howard non c’è più e l’atmosfera somiglia sinistramente a quella del vecchio Izod Center di East Rutherford, il palazzo che vide la stagione da 12-70 nella indimenticabile versione 2009/2010 dei New Jersey Nets.
L’unico a darci dentro per i Magic è Nikola Vucecic, il resto sono solo jump shoot dalla media dei vari Davis, Afflalo ed E’twaun Moore. Bene ma non benissimo.

Free Mirza: Per qualche minuto si vede anche Mirza Teletovic, ma il bosniaco non fa nulla per convincere il suo coach. Prende la solita tripla che finisce corta sul primo ferro e spende un fallo inutile su JJ Reddick al possesso successivo. Ritorna mestamente in panchina dopo appena 2 minuti di gioco, lo rivedremo nel garbage time.

Scappano via i Nets: Il terzo quarto vede Brooklyn piazzare il parziale decisivo. Ci pensano un Gerald Wallace ispiratissimo anche offensivamente, e Joe Johnson che sale sull’autobus e porta a scuola tutta Orlando e dintorni.

3 point contest: Per i Nets una serata 11/20 dall’arco dei tre punti. Per Orlando 1/11

Garbage Time: Oltre a Teletovic vedono il campo anche Tyshawn Taylor (prossimo alla D-League) e MarShon Brooks (messo anche lui nella cuccia visto le prestazioni sconcertanti dello zio Stackhouse).

Mvp: Gerald Wallace che finirà con 20 punti, 7-9 dal campo (5-6 da tre punti) e la solita difesa che mette paura ad avversari, tifosi e venditori di popcorn presenti all’Amway Center.

Best start ever: Il mese di Novembre si conclude con 11 vittorie e 4 sconfitte. Mai così bene, battuti anche i Nets del 2002/2003 che arrivarono a giocarsi la finale NBA.

On To The Next One: Back to back, si ritorna in campo tra 24 ore contro i Miami Heat.

Questa voce è stata pubblicata in Games e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Game Recap: Brooklyn Nets-Orlando Magic 98-86

  1. Mariano71 ha detto:

    Non ci fermiamo più,grandi!!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...