Game recap: Brooklyn Nets-Miami Heat 73-103

Chiamati al riscatto dopo la brutta figura rimediata lunedì, i Nets sfidano i campioni del mondo in carica nella loro casa. Dove la brutta figura, per gli avversari, è solitamente dietro l’angolo!

No Wallace, si Bogans: Confermato il quintetto della partita contro Minnesota. Il malcapitato di turno a dover marcare Lebron James è, almeno inizialmente, il povero Keith Bogans.

L’onnipotenza logora chi non ce l’ha Parliamoci chiaro, giocare contro il più forte giocatore del mondo (col secondo che arriva terzo) non è facile per nessuno. Senza nemmeno mettere la quinta Lebron fa tutto. Serve il tiro allo scadere? L’assist per la tripla del giocatore smarcato? Una gran difesa? Per il numero 6 dei Miami Heat non c’è alcun problema.
Già è illegale di suo, con una squadra del genere e un sistema fatto su misura per lui non vedo quali possano essere gli avversari credibili per questi Miami Heat.

Fattore Flash: Wade è letale, non si fa vedere tanto ma dal boxscore ti accorgi che ha piazzato il solito ventello senza aver sbagliato nulla. La chimica che ha questa squadra al momento non ce l’ha nessuno. Preoccupanti segnali per la NBA intera, si va verso il back to back a South Beach?

No defese no party Sarà un deja vu della stagione. Se concedi tutto il concedibile all’American Airlines Arena, puoi prenderti solo una sonora mazzata. Soprattutto quando il tuo miglior difensore è in giacca e cravatta. Aspettiamo dei miglioramenti, anche perchè peggio di così non si può proprio andare. Rashard Lewis che schiaccia indisturbato è la fotografia della partita.

Turnovers: Troppe palle perse (19), molte sono frutto di una difesa Heat che mette una pressione incredibile sulla palla. Ma la circolazione della palla è come al solito molto rivedibile. Terrificante il dato per Deron Williams: 3 assist 7 palle perse.

Soft Brook: Bosh non ha problemi contro questo Lopez. Spiace dirlo ma oggi è apparso spaventato dagli avversari. Quasi nessuna ricezione in post basso, solo tiri (brutti) dalla media.

Teletobricks: Paura non ne ha di prendersi un tiro…anzi diciamo che tende anche ad esagerare: 1-8 dal campo (1-7 da 3). In difesa è totalmente estraneo (vedere il suo 1 vs 1 contro Wade nel secondo quarto, col buon Dwyane che sembra dire “vabbè ma così è troppo facile“).

Tokotime: Nel garbage time finale c’è spazio anche per Tornike (per noi tutti Toko) Shengelia.

Mvp: 22 punti, 12 rimbalzi e 8 assist in soli 30 minuti. Un uomo solo al comando…Lebron James.

On to the next one: Il mini-viaggio in Florida si conclude venerdì notte ad Orlando. Affronteremo i Magic alle 1.30 italiane.

Questa voce è stata pubblicata in Games e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Game recap: Brooklyn Nets-Miami Heat 73-103

  1. Joseph P. McCillyguddy ha detto:

    ASFALTATI!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...